ICT e didattica di lettere e latino nel biennio

Un amore perduto: rivisitazione del mito di Orfeo e Euridice tra Virgilio e Buzzati

Viaggio nella parola poetica

Acqua e carrube

Mundus Latinus

La poesia nella matematica

Una cartolina del nostro quartiere

Lettura creativa della parola poetica in Catullo

Progetto ICT e Didattica di lettere e latino nel biennio
Lettura creativa della parola poetica in Catullo
Realizzato dalla classe II B nell’anno scolastico 2006/2007
Referente prof.ssa Marina Fiori

Una storia d'amore nell'antica Roma... ecco lo spunto da cui ha preso vita il lavoro che viene qui presentato.

Un amore infelice, quello di Catullo per Lesbia.

Niente di più attuale. Meno attuale la scommessa di accompagnare i ragazzi di oggi nella lettura metrica dei carmi di Catullo. Leggere poesia è già una attività tanto complessa in italiano... una vera impresa in latino!

Ma nulla ci scoraggia: leggeremo in maniera tradizionale ma anche creativa e trasgressiva: questi i propositi, i nostri obiettivi. E con l'aiuto del regista e attore Giuseppe Boy tenteremo una piccola rappresentazione!

Questi i presupposti.

Il lavoro scaturito è una presentazione multimediale su power point in cui le slides di colore azzurro sono la "tradizione" quelle di colore rosso sono la "trasgressione".

Trasgressione è stato cantare endecasillabi faleci sulle note di Battisti o dei Beatles.

Trasgressione far rivivere il concilium poetarum novorum e far recitare a un "alunno-Licinio" un testo da lui creato, su un sardo vinello "in erba" conforto nel dolore " ....amice mi.. piricciole".

Ed ecco anche Catullo in versione femminile: emozionato ancora nella indimenticabile esortazione "Vivamus mea Lesbia...."

 

A.S. 2006/07
Prof.ssa  Marina Fiori